Bandi di gara | Fondazione Carifol
1291
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-1291,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode_popup_menu_push_text_right,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Bando concorso di idee

Piazza Giacomo Matteotti in Foligno

*Il file ‘Planimetria’.pdf è stato aggiornato in data 9/10/18. Cancellato il refuso ‘Piazza ALTA già sistemata’.

   ** Il file ‘Planimetria’.dwg è stato aggiornato in data 18/10/2018.

F.A.Q.

1) E’ possibile anticipare la data di pubblicazione delle risposte ai quesiti? il termine fissato dal bando è molto prossimo alla data di consegna, il che renderebbe difficile ai partecipanti adeguare il progetto alle indicazioni che verranno fornite dall’ente banditore.

Si, le risposte ai quesiti saranno pubblicate, man mano che arriveranno, nel sito della Fondazione cercando di anticipare la risposta rispetto al termine indicato nel bando.

 

2) E’ possibile avere la planimetria in formato dwg?

Si, la planimetria è stata pubblicata nel sito della Fondazione nella sezione Bandi Gara – Allegati

 

3) Al punto 5.  Documenti del Concorso, si fa riferimento a “foto della  piazza”, che però non sono presenti nella pagina web insieme agli altri elaborati. Dove posso trovarle?

Le foto sono state pubblicate nel sito della Fondazione nella sezione Bandi Gara – Allegati

 

4) Qual è l’esatta area di progetto? Da planimetria la zona della piazza alta reca la dicitura “già sistemata“. Significa che non è possibile apportare modifiche in quella zona?

Si possono apportare modifiche. L’intervento richiesto riguarda l’intera area (zona alta, zona bassa e area verde). La dicitura “già sistemata” è un refuso in planimetria già eliminato. Gli allegati inseriti nel sito della Fondazione (sia pdf che dwg) non riportano più tale refuso.

 

5) Da punto 1. Oggetto del concorso, si parla di “riconfigurazione complessiva del piano interrato”. Significa che bisogna rendere accessibile e trovare una funzione ai locali dell’ex rifugio antischegge? O si riferisce solo all’aspetto esterno del manufatto?

Per riconfigurazione complessiva del piano interrato, si intende un intervento di ristrutturazione edilizia, come definita all’art. 3 del D.P.R. 380/2001; la funzione dei locali dovrà essere oggetto dell’idea concorsuale integrandosi alla funzionalità di piazza G. Matteotti.

 

6) La viabilità carrabile dovrà rimanere la stessa di quella attuale? I posti auto possono essere rimossi?

Si.

 

7) Vi è un limite di budget per l’opera?

No, non esiste un limite di budget, tuttavia si ricorda quanto è previsto dall’art. 1.3 del bando.

 

8) È possibile smantellare la pavimentazione esistente per apporne una nuova?

Si

 

9) Esistono vincoli del PRG o Storico/Paesaggistici nell’area?

L’area è posta nel centro storico e quindi è da intendersi vigente tutta la disciplina relativa ai centri storici (il link PRG 97 per il centro storico è presente nel sito della Fondazione – nella sezione Bandi Gara – Allegati). L’area in oggetto, inoltre, è ricompresa nella Fascia di pericolosità idraulica (P.A.I. fascia B)

 

10) Se è possibile avere un piano del traffico in modo da poter ottemperare al punto 1.2 a)?

L’ente banditore non dispone del piano del traffico, tuttavia si precisa che l’area oggetto di intervento è soggetta a limitazioni del traffico veicolare in fasce orario predefinite (ZTL)

 

11) Se è possibile avere un rilievo in dwg dei prospetti che evidenzino le caratteristiche degli edifici che si affacciano sulla piazza e sezioni che evidenzino le altezze del rifugio presente al piano interrato al fine di poter porre particolare attenzione alla riconfigurazione del piano interrato e poter rappresentare tridimensionalmente il progetto.

L’ente banditore dispone esclusivamente di un rilievo (in formato pdf) dei prospetti degli edifici che si affacciano su piazza G. Matteotti. Per quanto attiene alle sezioni, l’ente dispone di uno schema progettuale contenuto nel PPE (Piano particolareggiato esecutivo) approvato nel 1993 (formato jpg); nello stesso elaborato sono indicati un limite minimo e uno massimo.

Tali documenti sono presenti nel sito della Fondazione – nella sezione Bandi Gara – Allegati.

 

12) Se è possibile avere le foto della piazza in quanto nel bando all’articolo 5-DOCUMENTI DEL CONCORSO sono menzionate tra la documentazione fornita dall’ente e scaricabile dal sito anche le foto della piazza tuttavia non sono riuscita a trovarle tra gli allegati scaricabili.

Si, le fotografie sono state pubblicate nel sito della Fondazione nella sezione Bandi Gara – Allegati. Si rinvia al quesito nr. 3.

 

13) Nel documento “Planimetria-della-Piazza-Matteotti” è presente la dicitura “Piazza alta già sistemata” in corrispondenza della parte nord di Piazza Giacomo Matteotti. Tale dicitura sembra voler escludere la ‘parte alta’ della piazza dall’intervento di riqualificazione archi-tettonica ambientale oggetto del bando. È corretta tale interpretazione? È richiesto quindi di intervenire esclusivamente nella ‘parte bassa’ della piazza e nei locali interrati? Tale in-terpretazione è da estendersi anche alla ridefinizione del sistema a verde esistente?

L’intervento deve ricomprendere sia la parte alta che bassa della piazza; tale interpretazione è da estendersi anche alla ridefinizione dell’interrato e del sistema a verde esistente.

 

14) Al punto 1.2 del documento del bando viene specificato di riservare particolare attenzione alla “riconfigurazione complessiva del piano interrato”. È richiesto quindi che il progetto de-finisca delle funzioni specifiche dei locali interrati “ex rifugio antischegge”? A tal proposito si richiede, se possibile, di fornire documentazione aggiuntiva come materiale fotografico e/o disegni dei suddetti locali.

Si rinvia alla risposta di cui al quesito nr. 5. Circa la documentazione fotografica e i disegni dei locali interrati si rinvia a quanto detto rispettivamente nel quesito nr. 3 e nr. 11. Anche la documentazione fotografica dei locali interrati è pubblicata nel sito della Fondazione.

 

15) E’ possibile realizzare un raggruppamento di professionisti formato da un Ingegnere regolarmente iscritto all’Albo e da altri tre soggetti che posseggono l’abilitazione della professione di Ingegnere?

No, tutti i partecipanti al raggruppamento debbono essere iscritti, alla data di pubblicazione del bando, ai rispettivi Ordini / Registri professionali

 

16) L’area di progetto è quella pavimentata nell’elaborato grafico? La piazza “alta” non è area di intervento?

Si veda la risposta di cui al quesito nr. 4 e 13

 

17) E’ previsto che la piazza diventi interamente pedonale?

La piazza è già ad uso pedonale.

 

18) Al p.to 1.2 del bando tra gli aspetti a cui dare particolare attenzione vi è la riconfigurazione complessiva del piano interrato. Si intende nell’accesso o occorre intervenire anche negli spazi del rifugio? Al suo interno sono collocati spazi espositivi?

Il piano interrato deve essere reinterpretato sia nell’accesso che negli spazi interni. Si veda, in ogni caso, la risposta di cui al quesito nr. 5.

 

19) Esiste una raccolta fotografica delle aree oggetto di intervento?

Circa la documentazione fotografica, si rinvia a quanto detto al quesito nr. 3 e 14

 

20) Se, visto lo spessore di 120 gr delle tavole in formato A2, esse debbano essere piegate, arrotolate o lasciate piane. Nel plico si parla di busta A che deve essere opaca, bianca e sigillata. Buste sigillabili in formato A2 sembrano non esistere, quindi vorrei sapere se altri tipi di impacchettamento sono ammessi.

Le tavole in formato A2 devono essere lasciate piane e la busta di tale formato verrà confezionata e realizzata appositamente dal candidato.

 

21) L’area di intervento è l’intera piazza Matteotti oppure è esclusa la “Piazza Alta”?

L’area di intervento è tutta la piazza G. Matteotti, sia la parte bassa che la parte alta; tale interpretazione è da estendersi anche alla ridefinizione dell’interrato e del sistema a verde esistente.

 

22) Gli elaborati in formato A2 possono essere piegati in formato A 4 per la spedizione?

No, si veda la risposta al quesito nr. 20. Inoltre un’eventuale piega potrebbe apparire come un segno di riconoscimento e costituire un’anomalia estetica in caso di possibile utilizzazione per un’ipotizzata mostra dei progetti.

 

23) Vorrei sapere se i requisiti per i partecipanti riportati al punto 3.1 del bando sono tutti necessari alla data di pubblicazione dello stesso o l’iscrizione all’Albo dell’Ordine degli Architetti possa essere anche successiva se comunque effettuata prima della data di consegna degli elaborati. Io personalmente posseggo già tutti i requisiti, ma due collaboratori essendo da poco laureati e abilitati alla professione procederebbero all’iscrizione nei prossimi giorni. Essendo i requisiti richiesti per tutti i partecipanti, collaboratori compresi, sarebbe questa per noi una necessità vincolante.

Tutti i requisiti dei partecipanti debbono esser posseduti alla data di pubblicazione del bando.

 

24) Per “riconfigurazione complessiva del piano interrato” si vuole intendere la riprogettazione di tutto il piano interrato attualmente definito come ex rifugio antischegge, considerando come tale l’area di colore grigio delimitata con un tratteggio nella planimetria allegata? Ed un cambio di destinazione d’uso dello stesso?

Si. Si rinvia, in ogni caso, alla risposta del quesito nr. 5.

 

25) Sono possibili la demolizione anche parziale delle balaustre e/o la sostituzione della pavimentazione?

Si.

 

26) E’ possibile prevedere scavi alla quota più bassa della piazza?

No, occorre fare riferimento allo schema in formato jpg, così come richiamato nella risposta di cui al quesito nr. 11

 

27) E’ possibile avere un dwg e/o un disegno più dettagliato della pianta ( e sezione) del rifugio antischegge?

L’ente banditore non dispone di un dwg come richiamato; tuttavia è possibile riferirsi al rilievo in formato pdf, così come richiamato nella risposta di cui al quesito nr. 11

 

28) Nel bando si chiede la sistemazione della piazza Matteotti, ma nel pdf da voi fornito è stato indicato che la piazza alta è già stata sistemata. Ai partecipanti si richiede di agire solo sulla piazza bassa o di ripensare entrambi i livelli della piazza?

L’area di intervento è tutta la piazza G. Matteotti, sia la parte bassa che la parte alta; tale interpretazione è da estendersi anche alla ridefinizione dell’interrato e del sistema a verde esistente.

 

29) Cosa si intende con piano interrato? Si intende il rifugio antischegge sottostante la piazza alta?

Si.

 

30) In tal caso potremmo avere qualche dato fotografico e dimensionale (altezze dei vari vani e finiture attuali delle pareti e pavimenti) dell’ex rifugio antischegge?

Circa le altezze occorre fare riferimento allo schema in formato jpg, così come richiamato nella risposta di cui al quesito nr. 11; in merito alle fotografie, esse sono pubblicate nel sito della Fondazione nella sezione Bandi Gara – Allegati.

 

31) All’interno del bando si fa riferimento alla “qualità della soluzione acustica attesa” . Cosa si intende?

Si dovrà porre particolare attenzione al contenimento delle emissioni acustiche nell’ambiente circostante, sia per quanto riguarda l’uso della piazza che dello spazio interrato.

Relativamente allo spazio interrato si dovrà tenere conto dei requisiti acustici passivi.

Dovranno essere rispettati i limiti previsti nel piano di zonizzazione acustica, consultabile sul sito ufficiale del Comune di Foligno al seguente link:

http://www.comune.foligno.pg.it/pagine/piano-di-zonizzazione-acustica

 

32) E’ possibile prevedere l’apertura di nuovi varchi o ripensare, nel rispetto della storicità del luogo, la distribuzione spaziale dei vari ambienti del rifugio antischegge?

Si. Si rinvia, in ogni caso, alla risposta del quesito nr. 5.

 

33) Tra gli elaborati richiesti nel bando, al punto c), si chiede “l’indicazione delle superfici”. In che cosa consiste con esattezza (ad es. un file doc con indicate le quantità in metri quadri dei vari ambiti di progetto?)

Gli elaborati da presentare sono quelli ricompresi alla lettera A e B; l’indicazione della superfici può essere inserita, indifferentemente, sia negli elaborati grafici che nella relazione di cui rispettivamente alle lettere A e B del punto 7.

L’indicazione del costo sommario dovrà essere ricompreso nella relazione di cui alla lett. B del punto 7.

 

34) Nel bando è richiesto, a pag.1, la riconfigurazione complessiva del piano interrato; si intende che nel progetto è richiesta anche la ri-sistemazione dei locali del rifugio antischegge?

Per riconfigurazione complessiva del piano interrato, si intende un intervento di ristrutturazione edilizia, come definita all’art. 3 del D.P.R. 380/2001; la funzione dei locali dovrà essere oggetto dell’idea concorsuale integrandosi alla funzionalità di piazza G. Matteotti.

 

35) Si richiede se possibile ricevere del materiale tecnico e fotografico relativo ai locali interrati esistenti dell’ex rifugio. In particolare, per valutare correttamente una riconfigurazione degli spazi interrati, è indispensabile avere più informazioni relative ad altezze interne nette, alle stato attuale dei conservazione, alla dotazione impiantistica ed alla sussistenza di eventuali vincoli storici. Inoltre si chiede se possibile scendere sotto l’attuale quota zero dei spiani interrati.

Il materiale fotografico è pubblicato nel sito www.fondazionecarifol.it; circa le altezze interne e possibilità di scendere sotto attuale quota zero, si veda risposta a quesito nr. 11; circa la dotazione impiantistica si precisa che non ci sono impianti. Con riferimento ai vincoli storici si veda risposta al quesito nr. 9.

 

36) In merito all’indicazione del costo sommario dell’intervento (IVA esclusa) si richiedono delle indicazioni ulteriori relative al budget a disposizione per l’intervento oggetto del concorso. Sarebbe possibile avere un range indicativo o almeno una quota massima per operare in maniera più mirata con scelte progettuali richieste?

Si veda risposta al quesito nr. 7

 

37) Relativamente agli elaborati da consegnare la breve descrizione di max due cartelle in che formato va consegnata? Inoltre vi sono dei formati e limiti da rispettare relativamente all’elaborato delle superfici di progetto e a quello del costo sommario?

Circa l’elaborato lett. B, punto 7, il formato è A4. Circa le indicazioni di cui alle lettere C, D, si rinvia alla risposta indicata al quesito n. 33.

 

38) Relativamente al termine per la pubblicazione delle risposte dei quesiti fissato per il 23 Novembre si chiede cortesemente di anticipare la pubblicazione delle stesse in modo da non recepire i chiarimenti solo una settimana prima della consegna del 30 Novembre.

Si veda risposta al quesito nr. 1

 

39) E’ possibile chiudere la Piazza al traffico veicolare? Spostare i parcheggi?

La piazza è già ad uso pedonale. I parcheggi si possono spostare.

 

40) Per gli elaborati b) c) d) del punto 7 è previsto un formato? (per esempio A4 verticale)?

Si rinvia alla risposta dei quesiti n. 33 e nr. 37.

 

41) C’è un indirizzo progettuale per quanto riguarda il rifugio antischegge?

No.

 

42) Sulla piazza “alta” già sistemata non si deve intervenire in alcun modo?

Si, si può intervenire, vedasi la risposta al quesito nr. 4.

 

43) Nella riconfigurazione del piano interrato, questo piano deve mantenere un ingresso che possa essere chiuso o può diventare un ambiente aperto e fruibile dai cittadini in qualunque momento della giornata?

Circa la riconfigurazione del piano interrato, vedasi la risposta al quesito nr. 5. La possibilità di farlo diventare un “ambiente aperto” rientra nella libera scelta progettuale.

 

44) Al fine di abbattere le barriere architettoniche presenti, si può intervenire sulle due scalinate di raccordo tra i due livelli della piazza eliminandole e quindi progettando un nuovo collegamento?

Si.

 

45) Per “riconfigurazione complessiva del piano interrato” si intende anche la previsione di una nuova destinazione d’uso? Quindi un’eventuale ridistribuzione degli spazi interni con annesse funzioni?

Si rinvia alla risposta di cui al quesito nr. 5.

 

46) Per quanto riguarda la piazza “ALTA” indicata sulla planimetria come “già sistemata” non si deve quindi prevedere nessun intervento di riqualificazione? L’arredo e il verde urbano già presenti vanno quindi preservati senza essere implementati?

Si rinvia alle risposte di cui ai quesiti nr. 4 e nr. 13.

 

47) C’è un budget massimo da non superare previsto per l’intervento?

No.

 

48) Essendo parte del centro storico è accettato di ipotizzare una modifica nella pavimentazione della piazza?

Si.

 

49) Per piano interrato si intende l’area attualmente destinata ai parcheggi?

Per piano interrato si intende il rifugio antischegge.

 

50) La piazza superiore “già sistemata” è oggetto di riqualificazione?

Si.

 

51) Il rifugio è oggetto di riqualificazione? In caso di risposta affermativa alla domanda 2, che altezze hanno gli ambienti del rifugio?

Si. Circa le altezze degli ambienti si veda la risposta al quesito nr. 11.

 

53) Nella sezione “Oggetto del Concorso” si cita la necessità di riconfigurazione complessiva del piano interrato. Il riferimento è alla quota del rifugio antischegge? Il piano interrato è parte integrante del progetto? Data la mancanza di allegati relativi alla configurazione planimetrica specifica del piano interrato, a richiedersi è una riconfigurazione complessiva di tipo specificamente spaziale ed architettonico, o di tipo anche indicativamente funzionale (la cui spazialità sia comunque esposta nei disegni opportuni che potrebbero comprenderla)?

Si rinvia alle risposte di cui ai quesiti nr. 5 e nr. 11.

 

54) Nella sezione “Modalità e termini di presentazione delle idee” si cita il plico contenente le buste A e B. È necessario che le buste abbiano una dimensione specifica? Nel qual caso, i cartoncini al loro interno possono essere ripiegati?

Si rinvia alla risposta di cui al quesito nr. 20. I cartoncini non possono essere piegati.

 

55) Con riferimento all’allegato 4 “Consenso al trattamento dei dati personali”, si fa richiesta di partita IVA e ruolo aziendale: nel caso in cui il professionista (e/o capogruppo) sia un giovane libero professionista, regolarmente iscritto all’albo del proprio ordine professionale, ma non possessore di partita IVA, è consentita la partecipazione con la specifica nel suddetto allegato di tale condizione del professionista? Ciò non esula la possibile apertura della partita IVA in seguito all’esito del Concorso.

E’ consentita la partecipazione al bando anche se non si è titolari di P.IVA.

 

56) La parte alta della piazza sopra il rifugio antischegge è oggetto d’intervento?

Si.

 

57) Il rifugio antischegge al piano interrato è oggetto d’intervento? E’ possibile avere la quota di calpestio interna? E’ possibile avere una sezione più dettagliata?

Si, si rinvia alla risposta di cui al quesito nr. 11.

 

58) In pianta è rappresentata un’ edicola che non si evince dalle fotografie. E’ possibile?

E’ possibile, tuttavia oggi l’edicola non c’è più.

 

59) Qual è esattamente l’area di intervento? Piazza Matteotti, da google maps, si configura solamente con la “piazza alta gia’ sistemata” e pertanto non riesco a capire se il bando è riferito alla sola valorizzazione di questo spazio oppure bisogna pensare anche ad una valorizzazione dello spazio sottostante a ridosso di Via G.Mazzini.

Si rinvia alla risposta di cui al quesito nr. 4

 

60) Chiarito il punto 1 è lecito pensare anche ad una ristrutturazione del percorso carrabile e dello spazio oltre la piazza come rappresentato nel file dwg?

No.

 

61) Nel bando è esplicitamente richiesta la “riconfigurazione complessiva del piano interrato”. Dal file dwg non si evince però alcun riferimento sull’altezza degli ambienti sotterranei, né sulla loro possibile comunicazione. Volevo quindi sapere se anche gli spazi sotterranei possono essere ripensati nella loro distribuzione, se essi devono avere un’altezza minima interna per essere fruibili e se a questo punto possono essere pensati come spazi per attività ludico-ricreative o più in generale per attività di socializzazione.

Si rinvia alle risposte di cui ai quesiti nr. 5 e 11.

 

62) Dal rilievo DWG fornito la cosiddetta “piazza Alta” è indicata come già sistemata, vuol dire che non fa parte dell’intervento e di conseguenza del progetto da presentare?

No, la parte “alta” rientra nell’intervento. Si rinvia alla risposta di cui al quesito nr. 4

 

63) Nella documentazione fotografica la piazza Matteotti retinata esclude le vie attorno e comprende la piazza alta, è da intendersi questa come l’area effettiva oggetto del concorso?

Si, si rinvia alla risposta di cui al quesito nr. 4

 

64) Il bando parla di riconfigurazione complessiva del piano interrato, spazio che ci sembra di intuire dovrebbe essere l’ex rifugio antischegge. Nel caso faccia parte integrante del concorso è possibile avere un rilievo più dettagliato, comprese le altezze utili, e delle foto dello stesso?

Si rinvia alla risposta di cui al quesito nr. 11. Le foto sono tutte pubblicate nel sito della Fondazione Carifol.

 

65) Dalle foto si evince che lo spazio tra la piazza alta e via Giuseppe Mazzini è attualmente utilizzata come parcheggio. Tale destinazione va preservata?

La piazza bassa deve intendersi esclusivamente pedonale. La destinazione va preservata.

 

66) Nel file DWG è indicata un’edicola esistente in angolo tra la pizza bassa e via Mazzini, che non risulta ne dalle foto ne da altri documenti di concorso. Tale elemento è effettivamente esistente e nel caso va preservato così com’è oppure va previsto un elemento ex novo?

L’edicola oggi non c’è più. Non è elemento necessario e vincolante ai fini dell’elaborazione dell’idea progettuale.

 

67) E’ possibile avere delle foto o sezioni del rifugio antischegge?

Si, sono pubblicate nel sito della Fondazione Carifol nella sezione bandi di gara – Allegati.

 

68) L’edicola esistente riportata in planimetria è da mantenere?

Si rinvia alla risposta di cui al quesito nr. 66.

 

69) Nella relazione ci possono essere anche delle immagini?

La relazione è solo descrittiva.

 

70) Nel criterio “Qualità della soluzione acustica” si intende:-il miglioramento del confort acustico attraverso i materiali adottati in caso di eventi e concerti?- Oppure come attenuazione del rumore prodotto dalle sorgenti fisse e/o mobili presenti nello spazio aperto? In tal caso si chiede di specificare per tipologia ed entità i rumori presenti (impianti di ventilazione esistenti e/o altre sorgenti).

Si rinvia alla risposta di cui al quesito nr. 31

 

71) Sul sito che è comparsa la dicitura *Il file ‘Planimetria’.pdf è stato aggiornato in data 9/10/18. Cancellato il refuso ‘Piazza ALTA già sistemata’.Tale dicitura compare però anche nel file dwg. E’ un refuso?

Il file dwg è stato aggiornato e non contiene più tale refuso.

 

72) E’ possibile indicare il perimetro di intervento?

Si rinvia alla risposta di cui al quesito nr. 4

 

73) Si può integrare il bunker nel progetto, modificandolo e prevedendo un riuso funzionale? In caso di risposta affermativa sarebbe possibile avere un disegni di rilievo del bunker in sezione?

Si rinvia alla risposta di cui ai quesiti nr. 5 e nr. 11

 

74) Quanti parcheggi è necessario mantenere? é possibile considerare la piazza come esclusivamente pedonale?

La piazza è esclusivamente pedonale.

 

75) E’ possibile modificare la pavimentazione della piazza “alta” che nell’elaborato grafico è segnata in grigio? come si deve interpretare la dicitura “già sistemata” ?  significa che non può essere modificata la pavimentazione?

La pavimentazione è modificabile. Si rinvia alla risposta di cui al quesito nr. 8 e nr. 4

 

76) Per l’arredo urbano della piazza è concesso proporre delle strutture di dimensioni consistenti, tipo pensiline o padiglioni?

La scelta degli elementi di arredo fa parte dell’idea progettuale; occorre comunque tenere presente quanto richiamato nella risposta ai quesiti nr. 9 e nr. 11.

 

77) La pavimentazione disegnata nella tavola corrisponde ad un rilievo o è da intendersi come un retino indicativo? dalle foto sembra differire (per esempio non è riportata la griglia in pietra bianca a sud).

La scelta della pavimentazione fa parte dell’idea progettuale.

 

78) deve essere prevista un’area a parcheggio nella piazza?

No.

 

79) E’ possibile intervenire parzialmente o totalmente sul rifugio antischegge, al limite demolendolo?

Si. Si rinvia alla risposta di cui al quesito nr. 5.

 

80) Esistono limiti o indicazioni rispetto al budget, anche a livello di massima?

No.

 

81) Al punto 1.2 si chiede di “prestare particolare attenzione alla riconfigurazione complessiva del piano interrato”. Che cosa si intende per riconfigurazione complessiva?

Si rinvia alla risposta di cui al quesito nr. 5.

 

82) Il bando prevede anche interventi all’interno del piano interrato (rifugio antiaereo)?

Si.

 

83) Nella riconfigurazione di Piazza Matteotti andranno destinate delle aree a parcheggio? Sia nella piazza bassa che sul fronte del comune prospiciente la piazza alta?

No.

 

84) Nei criteri di valutazione (punto 12) si fa riferimento, al punto 4, alla “qualità della soluzione acustica attesa”. Che cosa si intende?

Si rinvia alla risposta di cui al quesito nr. 31

 

85) Collaboratori e consulenti devono necessariamente avere gli stessi requisiti dei progettisti? Ovvero devono necessariamente essere under 40 e iscritti all’albo? Nel caso venissero inseriti nel gruppo artisti o laureati non iscritti ad alcun ordine come vanno inquadrati?

Tutti i collaboratori e consulenti dei partecipanti al bando devono avere i requisiti di cui al punto 3.1. del bando.

 

86) Volevo sapere se i locali definiti ‘’spazi non esplorabili’’ (del file PPE 1993 sezione interrata piazza Matteotti, in formato jpeg) possono essere oggetto di ampliamento, in quanto è previsto l’intervento di ristrutturazione edilizia come da DPR380/2001, e tale risoluzione consente l’ ampliamento di volumetria, cambio di destinazione d’uso e modifica della sagoma. Non conoscendo la natura dei locali non esplorabili, se siano in terrapieno oppure vuoti,  è possibile effettuare demolizioni e scavi in una porzione di tale spazio?

I locali “non esplorabili” possono essere conteggiati ai fini del calcolo della volumetria. Per  “riconfigurazione complessiva” si rinvia a quanto già detto nella risposta di cui al quesito nr. 5.

 

87)  Avere informazioni aggiuntive in merito al costo sommario dell’intervento (escluso IVA) da presentare tra gli elaborati. È possibile avere delle indicazioni in termini di budget massimo previsto, o almeno un range indicativo di riferimento, in quanto tale dato risulta fondamentale per qualsivoglia scelta ed elaborazione progettuale?

No, non esiste un limite di budget, tuttavia si ricorda quanto previsto dall’art. 3.1. del bando.

 

88) Si richiedono inoltre dei chiarimenti sul formato di consegna degli elaborati relativi al calcolo delle superfici, del costo sommario e della descrizione del progetto? Possono essi contenere immagini? Devono essere dotati di copertina e retro? Esiste un limite massimo di pagine da poter presentare?

Si rinvia alle risposte di cui ai quesiti nr. 33, 37 e 69. Il limite massimo delle due cartelle non include la copertina e il retro che quindi possono essere aggiunte.

 

89) In merito ai locali dell’ex-rifugio antischegge si richiede se possibile ricevere il valore delle altezze interne degli spazi. Purtroppo dalle sezioni fornite e dalle immagini non è possibile ricavare tale dato di estrema importanza in ottica di riutilizzo degli spazi oggetto del presente concorso di idee.

Le altezze sono ricavabili dall’elaborato PPE/1993 nel formato jpg. Inoltre si rinvia alla risposta di cui al quesito nr. 11

 

90) E’ disponibile uno schema relativo agli impianti di illuminazione pubblica presenti nella piazza e nelle vie limitrofe?

Non è disponibile.

 

91) Si richiede infine una cortesia in merito al termine di pubblicazione delle risposte ad oggi fissato per il 23 novembre. Si ritiene infatti che tale data sia troppo ravvicinata al termine ultimo di consegna degli elaborati, considerando anche i tempi tecnici richiesti per la stampa e l’invio o consegna a mano del materiale.

Vedasi risposta quesito nr. 1

 

92) Inclusione o meno nella proposta della zona bassa della piazza (ora adibita a parcheggio)

La zona bassa deve intendersi ricompresa nell’oggetto dell’intervento. Si precisa che tuttora tale zona è ad uso esclusivamente pedonale.

 

93) Eventuale variazione del senso di circolazione mezzi

No. Vedasi la risposta di cui al quesito nr. 6

 

94) Vincoli riguardanti nuova destinazione d’uso dei locali dell’ex rifugio

La destinazione d’uso dei locali fa parte della scelta progettuale. In ogni caso non ci sono vincoli.

 

95) Mantenimento o eliminazione della zona ad uso parcheggio intorno al perimetro della piazza

I parcheggi possono essere rimossi

 

96) Limiti in altezza della proposta di progetto

Si rinvia alla risposta di cui al quesito nr. 11

 

97) Dimensioni massime dell’elaborato descrittivo del progetto (elaborato B.)

Si rinvia alle risposte di cui ai quesiti nr. 33, 37, 69, 88

 

98) In seguito alla risposta del quesito 31 sulla ‘Qualità della soluzione acustica attesa secondo i materiali enun-ciati nel progetto’ … così descritto:’ Relativamente allo spazio interrato si dovrà tenere conto dei requisiti acustici passivi.’  Sembra obbligatorio mantenere uno spazio interrato, è così o si può demolire completamente? 

Si rinvia alla risposta di cui al quesito nr. 5

 

99) E’ possibile modificare il percorso e le strade carrabili?

No.

 

100) Bisogna mantenere il numero dei posti auto presenti oggi nel nuovo progetto?

Vedasi risposta al quesito nr. 95

 

101) E’ possibile prevedere la progettazione di nuove strutture anche di carattere temporaneo? E qualora fosse possibile, avrebbero un limite in altezza?

E’ possibile prevedere strutture temporanee da allestire in caso di eventi. Circa la relativa altezza si dovrà tenere conto che la piazza si trova in centro storico e in ogni caso le strutture dovranno avere un’altezza contenuta e compatibile con l’area di riferimento.

 

102) L’altezza utile del piano del rifugio antischegge è di 2,30 m. Ciò potrebbe porre dei limiti nelle nuove funzioni da prevedere?

Relativamente alle funzioni da prevedere, i parametri e quindi anche le altezze a cui fare riferimento, sono quelle stabilite dalla normativa di settore per le singole attività proposte.

Un’eventuale proposta progettuale che non rispetti i limiti individuati dal PPE/1993 potrà comunque essere valutata in variante agli strumenti urbanistici già approvati.

 

103) Nel bando viene richiesto l’invio delle proposte progettuali stampate in formato A2, le quali non devono essere ne piegate ne arrotolate. Pertanto vorremmo sapere se gli elaborati possano essere incollati su dei supporti rigidi (tipo polionda) o in alternativa inserendo nella busta del cartone per evitare piegamenti della busta, in quanto riteniamo che con il formato richiesto la busta contenente solamente i fogli potrebbe rovinarsi in fase di spedizione.

E’ possibile prevedere l’inserimento di supporti rigidi.

 

104) Nei disegni DWG forniti è riportato un estratto dei locali del rifugio antischegge che differiscono da quanto rappresentato nel PDF (PPE-1993-Pianta-rifugio-antischegge) nel quale sono rappresentati anche altri ambienti, alcuni dei quali indicati come “spazi non esplorabili”. La proposta progettuale può o deve tenere conto anche di questi ambienti o solamente di quelli riportati nel rilievo DWG?

L’idea progettuale può tenere conto dei locali “non esplorabili”

 

105) Viste le foto del rifugio antischegge e confrontate con l’allegato PPE in formato Jpeg, si riscontra che l’altezza del locale nell’elaborato PPE risulta pari a 2,00 m circa, non conforme allo stato attuale (dalle foto si stima un’altezza di almeno 2,70 m). È possibile sapere con esattezza tale dato?

Vedasi la risposta al quesito nr. 102

 

106) Rispetto alla consegna: lasciare le tavole non arrotolate le espone a piegature, ad esempio per la consegna attraverso corriere. È possibile rendere la busta più rigida, con cartoncini o altro, in modo da evitare che si danneggi il contenuto, oppure questo verrebbe considerato un segno in qualche modo riconoscibile? Però anche le pieghe potrebbero essere considerate tali.. Sarebbe opportuno stabilire una modalità di ‘protezione’ delle tavole uguale per tutti, oppure stabilire per tutti una consegna con tavole arrotolate, o ancora chiarire che nessuno di questi eventuali problemi sarà causa di esclusione.

Vedasi la risposta di cui al quesito nr. 103.

E’ possibile utilizzare supporti rigidi così da non piegare le tavole.

 

107) Per le consegne tramite poste e corriere: come indicazione del mittente, cosa deve essere usato? Solitamente o viene utilizzato o il nome del destinatario, oppure il riferimento all’ordine, in modo da mantenere l’anonimato.

Con riferimento al quesito in oggetto, si coglie l’occasione per comunicare che il termine “plico esterno” riportato agli artt. 8 e 11 del bando” è un refuso e non deve essere considerato.

Conseguentemente, nel plico esterno vanno riportati gli estremi del mittente.

Resta fermo l’anonimato con riferimento alle buste interne.

 

108) vorrei chiarimenti riguardo alle quote esistenti in quanto il piano interrato come riportato nel PPE 1993 pari a 231.90 mentre la quota d’accesso al piano interrato secondo il dwg allegato sarebbe di 232.10m la differenza tra le due sarebbe di 20 cm.. cosa non possibile in quanto foto “img -3151” mostra chiaramente una rampa d’accesso con un dislivello di almeno 1 metro, da cui la quota sarebbe 231.10

Vedasi la risposta al quesito nr. 102

 

109) Al punto 5 e consecutivo punto 11 non si specifica se esiste una quota minima al di sotto della quale non è possibile scavare la “piazza bassa”. si può considerare il piano interrato come quota minima?

Vedasi la risposta al quesito nr. 102

 

110) Non viene indicato nessun numero minimo di parcheggi richiesti? Attualmente sembrano esservi almeno 20 posti auto.

L’area è ad uso esclusivo pedonale. L’area di progetto non è adibita a parcheggio

 

111) Si richiede un chiarimento in relazione alle effettive altezze del piano seminterrato c.d. “rifugio antischegge”. Dal documento jpeg “PPE-1993-sezione-interrato-piazza-Matteotti-PROGETTO” fornito, si evince, dalla differenza tra le quote altimetriche massima e minima, che l’altezza del “rifugio”, calcolata tra il piano di calpestio e l’estradosso del solaio di copertura, è di 2,30 ml (circa 2,00 ml di H. utile interna), mentre dalle foto allegate è evidente che tale altezza non corrisponde allo stato di fatto, in quanto più alta. A tal proposito sarebbe utile capire se l’altezza di riferimento per il concorso è quella della documentazione allegata o quella reale. In quest’ultimo caso sarebbe fondamentale conoscere l’altezza utile massima interna del rifugio e quella tra il piano di calpestio e l’intradosso delle travi. 

Vedasi la risposta al quesito nr. 102

 

112) È possibile utilizzare solo una parte del piano seminterrato per la riconfigurazione richiesta nel bando? In caso di risposta affermativa, nel rispetto delle N.T.A. del Prg, è possibile il riutilizzo di una parte della cubatura non utilizzata del “rifugio antischegge” per la realizzazione di volumi fuori terra?

Si, l’utilizzo parziale è possibile.

Circa la N.T.A., vedasi il seguente link www.comune.foligno.pg.it/articoli/norme-tecniche-di-attuazione-nta-aggiornate

 

113) a seguire delle fasi di valutazione e assegnazione dei premi, verrà pubblicata una classifica generale e completa di tutti i partecipanti, con i relativi punteggi, oppure verranno pubblicati i risultati dei soli vincitori del concorso.

Si, sarà pubblicata l’intera graduatoria generale

 

114) dal file pdf “PPE_rilievo 1” si evince che il piano interrato a piazza G.Matteotti si sviluppa per tutta l’estensione della piazza stessa comprendendo, oltre agli spazi già individuati nell’elaborato planimetrico, altre superfici completamente isolate e cieche che in parte non presentano alcuna dicitura e in parte vengono definite “spazi non esplorabili”. Pertanto volevo chiedere se la “riconfigurazione complessiva del piano interrato” deve far riferimento alla sola sagoma delimitata con linea grigia tratteggiata del file “Planimetria” oppure bisogna tener conto di tutta la sagoma rettangolare così come rappresentata nel  file “PPE_rilievo 1”. 

Bisogna tener conto di tutta la sagoma rettangolare

 

115)  Preso nota dall’allegati pubblicati che il limite massimo della piazza di progetto era 234,20 m e minimo 231,90 m, si sottolinea che si hanno a disposizione solo 2.30 m lordi, ovvero uno spazio inutilizzabile per qualsiasi funzione. Inoltre allo stato attuale la quota risulta essere dal dwg 234.70 e quindi oltre il massimo, così come dalle foto l’altezza interna risulta più vicina ai 3 m che ai 2,30 lordi. È possibile quindi mantenere le quote attuali seppure esse non rispettano il limite massimo e minimo del PPE allegato al bando?

Vedasi la risposta al quesito nr. 102

 

116)  Nel quesito n°26 viene richiesto se è possibile effettuare scavi nella quota più bassa della piazza, e viene suggerito di osservare lo “schema in formato jpg” dove vengono riportate delle quote massime e minime. E’ corretto quindi dire che questi valori riportati nella sezione in jpg rappresentano la quota massima della piazza Alta e quella minima della piazza Bassa da rispettare come limite nell’ipotesi progettuale?

Per quanto riguarda i limiti di altezza occorre riferimento all’ultimo periodo della risposta al quesito nr. 102.  Si comunica che l’area in questione ricade in Fascia B di pericolosità idraulica del P.A.I. Pertanto andrà tenuto conto della normativa di settore per questi aspetti e delle previsioni delle N.T.A del PRG ’97.

 

117) Il verde esistente può essere completamente ripensato, sia a livello di essenze che a livello di struttura?

Si, Il verde può essere ripensato sia a livello di impianto che per quanto riguarda le essenze.

 

118) È possibile utilizzare, per la rifunzionalizzazione del piano interrato (rifugio antischegge) anche la parte denominata “spazi non esplorabili” nelle tavole del PPE-1993 (file denominato “PPE-1993-Pianta-rifugio-antischegge-RILIEVO-”)?

Si, vedasi la risposta al quesito nr. 104.

 

119) Data l’impossibilità a stampare su supporto rigido e considerando la grammatura e le dimensioni delle tavole richieste, chiediamo se sia possibile inserire un supporto rigido (un foglio di cartoncino, poliplat, pluriball o altro) all’interno del plico – ma fuori dalle buste A e B – in modo da irrigidire il plico per la spedizione. Il pericolo per i partecipanti, ma anche per l’ente banditore, è che il contenuto della busta A arrivi danneggiato.

Si, è possibile.

 

120) E’ possibile numerare le tavole? Ad esempio “Tavola 1” e “Tavola 2”.

Si, è possibile.

 

121) Punto 7 del Bando: stampa su cartoncino bianco (gr.120). Si intende una stampa su supporto rigido tipo poliplat o forex? Il quesito è posto poichè la grammatura della carta già di per se supera i 120 grammi.

La scelta del tipo del supporto su cui stampare è libera

 

122) Punto 12 del Bando: nel punto 4 dei criteri di valutazione si parla di “qualità della soluzione acustica”, è corretto o si intende qualche altra cosa?

E’ corretto. Vedasi risposta al quesito nr. 31

 

123) “In merito alla risposta al quesito n. 107 si fa presente che riservare l’anonimato alle sole buste interne non sembra sufficiente a garantire l’anonimato e appare contrario al principio di anonimato stesso. Si chiede pertanto di valutare l’annullamento di tale indicazione. Si fa notare che l’invio tramite corriere, cui la risposta si riferiva, non prevede l’obbligo di indicazione del mittente, ma solo del destinatario.

In merito al plico esterno si chiede conferma del fatto che debba riportare solo ed esclusivamente le seguenti diciture, comprensive delle virgolette:

FONDAZIONE CARIFOL,

CORSO CAVOUR, 36,

06034 FOLIGNO(PG)”

“CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELL’AMBITO DI PIAZZA G. MATTEOTTI”

 

In merito alla busta A si chiede conferma del fatto che debba riportare solo ed esclusivamente la seguente dicitura, comprensiva delle virgolette:

“PROPOSTA PROGETTUALE”

e non anche riferimenti alla busta A.

 

In merito alla busta B si chiede conferma del fatto che debba riportare solo ed esclusivamente la seguente dicitura, comprensiva delle virgolette:

“DOCUMENTI”

e non anche riferimenti alla busta B.”

E’ confermata la linea adottata dall’ente banditore e riportata nella risposta di cui al quesito nr. 107 (il plico esterno dovrà riportare il mittente, mentre sui plichi interni dovrà essere assicurato l’anonimato) ad integrazione di quanto previsto dal bando.

Si precisa che tale scelta è stata adottata anche per non creare difficoltà ai candidati in sede di spedizione dei plichi; infatti sia le Poste italiane che i Corrieri privati potrebbero applicare regole e modalità diverse

in presenza di una richiesta di spedire un pacco anonimo con l’effetto che qualche plico sarebbe arrivato anonimo e qualcun altro comunque con mittente.

Per tali ragioni, anche alla luce del fatto che allo stato sono già pervenuti plichi senza l’indicazione del mittente nonostante l’integrazione intervenuta con la risposta al quesito nr. 107, saranno ammessi al concorso sia i plichi esterni riportanti  l’indicazione del mittente che i plichi esterni senza l’indicazione del mittente.

Naturalmente i lavori della Commissione, ai sensi e per gli effetti del bando di idee, avranno ad oggetto solo i plichi interni che dovranno essere anonimi.